Germania, un´auto si schianta con un Tram. Le immagini sono scioccanti.

E´successo a Stoccarda, precisamente a Feuerbach, l´ utilitaria ignora il semaforo rosso e si schianta sotto il Tram.

media.media.dda3fd8b-7634-419a-87e8-a7094267cbd6.original1024

L´auto prende fuoco, con il conducente allínterno.

media.media.d71c6df9-d331-4a88-a042-3afb7bef0439.original1024

Alcuni passanti hanno assistito alla scena aiutando le forze dell´ordine a fare chiarezza sulla vicenda.

media.media.86875f6a-f91b-49fb-9294-2d46833de87a.original1024

La polizia riferisce che l’uomo di 26 anni alla guida di una VW Polo sulla strada principale non si e´fermato ad un semaforo rosso.

media.media.8a7b582a-d63a-405c-b78d-9cb275c749dc.original1024

Secondo le stime iniziali, una perdita di oltre 100.000 euro di danni tra Auto e tram. La polizia sta cercando testimoni.

Annunci

Esplosione Rieti, scopre la morte del fratello, tragedia

“L’autocisterna si è trasformata in una bomba”: così il questore di Rieti, Antonio Mannoni, ha commentato l’esplosione del distributore di benzina nei pressi di Borgo Quinzio in cui sono morte due persone e altre 18 sono rimaste ferite. Ad accompagnarlo in auto sul luogo del disastro è stato il fratello del pompiere Stefano Colasanti, una delle vittime, scoprendo la tragedia proprio all’arrivo nella stazione di servizio.

esplosione-rieti1-567x420.png
Identificata la seconda vittima – Intanto è stata identificata anche la seconda vittima dell’esplosione. Si tratta di Andrea Maggi, 38 anni, di Montelibretti (Roma). La sua auto, un’Opel Corsa, è stata trovata nei pressi dell’area di servizio. I carabinieri hanno già effettuato il prelievo del Dna dal fratello del 38enne e il responso dell’esame è atteso a breve.

Usa, 19enne vuole uccidersi ma non ha il coraggio: ingaggia online un killer Deepweb

Natalie Bollinger, una 19enne morta poco meno di un anno fa in Colorado, ha commissionato il suo omicidio. La ragazza era stata trovata senza vita in un campo non molto lontano da casa e il suicidio fu la prima ipotesi della polizia. Gli inquirenti la trovarono con un proiettile alla nuca e una massiccia dose di eroina nel sangue. Ad avvalorare l’ipotesi iniziale il fatto che la ragazza negli ultimi tempiavesse mostrato una profonda insoddisfazione per la sua vita. Dopo un anno, però, la svolta nelle indagini. In realtà Natalie aveva ingaggiato un killer perché non ce la faceva a spararsi da sola. Natalie morì dopo aver recitato alcune preghiere. L’omicida è stato condannato a 48 anni.cedella-roman-1-kz1-U435103471429537kE-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

La famiglia si è sempre rifiutata di credere all’ipotesi del suicidio. E ora anche le perizie balistiche hanno dato ragione ai familiari . Indagini approfondite sullo smartphone della ragazza hanno rivelato ciò che è successo davvero: la giovane, tramite la piattaforma Craiglist, era riuscita ad assoldare il proprio assassino. Si tratta di Joseph Michael Lopez, un 23enne di origine ispaniche della sua stessa città. Natalie aveva fornito al suo killer anche la pistola. Dopo gli accertamenti  l’uomo è stato arrestato. Durante i lunghi e ripetuti interrogatori Lopez ha spiegato, così come dimostrano i messaggi che i due si sono scambiati, di aver cercato di distogliere la ragazza dal gesto estremo. Vani i tentativi visto l’epilogo della vicenda. Il killer è stato condannato a 48 anni di carcere.

Cani avvelenati a Poviglio, patteggia un anno e 4 mesi questa e´l´Italia

Poviglio (Reggio Emilia), 6 dicembre 2018 – Un anno e quattro mesi di reclusione. E’ la sentenza scaturita dal patteggiamento in tribunale a Reggio di un uomo residente a Poviglio, accusato di aver gettato in un cortile privato dei bocconi avvelenati, capaci di uccidere un cane, intossicandone gravemente degli altri.

Era accaduto a Poviglio. La vicenda non si era fermata ai commenti negativi contro l’avvelenatore, ma era stata presa a cuore dal nucleo tutela animali della polizia municipale della Bassa Reggiana, con indagini condotte dal dirigente Davide Grazioli e dall’agente Anna Maria Ribezzo, che avevano portato a scoprire l’autore degli avvelenamenti. Evidenti le prove raccolte contro il sospetto: nella sua abitazione erano state rinvenute sostanze compatibili con i veleni che erano emersi dall’autopsia dei cani rimasti vittime dei bocconi fatali.

CANI-AVVELENATI--e1469538010647.jpg

I lanci degli stessi bocconi avvenivano attraverso una fionda professionale, capace di gettare oggetti a notevole distanza. Ne avevano fatto le spese i cani del proprietario di un ampio cortile privato, che ospitava gli animali. Alcuni – come Kira e Maya – si erano salvati grazie al tempestivo intervento del veterinario. Ma non tutti ce l’avevano fatta. Inevitabile il rinvio a giudizio, chiesto e ottenuto dal pm Giacomo Forte. E ora è arrivata la sentenza, con il patteggiamento a un anno e quattro mesi di reclusione, oltre alla somma che sarà richiesta per risarcire i danni alla parte lesa.

Rieti, identificata anche la seconda vittima del distributore esploso.

Manca ancora l’ufficialità attraverso l’esame del dna che è in corso, ma i carabinieri di Rieti hanno identificato la seconda vittima dell’esplosione avvenuta nell’area di servizio di Borgo Quinzio.

esplosione-benzinaio.jpg

Il corpo carbonizzato, trovato vicino al distributore, sarebbe quello di Andrea Maggi, 38 anni, di Montelibretti (Roma). La sua auto, una Opel Corsa, è stata trovata nei pressi dell’area di servizio. L’altra vittima è il vigile del fuoco Stefano Colasanti.

Pavia, accoltella la madre e poi si taglia la gola: è grave

Broni, nel Pavese, tra la notte di mercoledì e giovedì un 18enne, disoccupato e già noto alle forze dell’ordine, al culmine di una lite ha accoltellato la madre tra la spalla e il petto e poi ha rivolto l’arma contro se stesso, tagliandosi più volte la gola. Il giovane è stato trasportato nel reparto di rianimazione. La Donna, 43 anni e´fuori pericolo.

Il movente della lite è legato a una questione economica. Il ragazzo è accusato di lesioni dolose.